fbpx
skip to Main Content
0794136984 PER QUALSIASI INFORMAZIONE
PROTOCOLLO PER IL CONTENIMENTO DEL CORONAVIRUS COVID-19 NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

PROTOCOLLO PER IL CONTENIMENTO DEL CORONAVIRUS COVID-19 NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

PROTOCOLLO PER IL CONTENIMENTO DEL CORONAVIRUS COVID-19 NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

In data 14 Marzo 2020 è stato sottoscritto il “Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del Coronavirus Covid-19 negli ambienti di lavoro”

E’ chiaro a tutti come, in questo momento di crisi sanitaria che sta colpendo il nostro paese, la priorità si quella di contenere il più possibile la trasmissione del Coronavirus Covid-19.

Bisogna però andare incontro a due differenti esigenze:  da un lato il recupero del tracollo economico in Italia a seguito delle giustissime ma drastiche misure decise dal Governo per limitare gli effetti della ormai conclamata Pandemia; dall’altro l’imprescindibile salute dei lavoratori che vanno protetti dal rischio di contrarre il virus.

Premesso che la prosecuzione delle attività lavorative può avvenire solo in presenza di condizioni che assicurino livelli adeguati di protezione per i lavoratori, l’obiettivo del protocollo è quello di fornire alle aziende indicazioni operative per incrementare l’efficacia delle misure di contenimento già attuate per l’intera popolazione e da adattare alle dinamiche aziendali.

In particolare, il protocollo prevede 13 misure specifiche:

  1. INFORMAZIONE: l’azienda è tenuta ad informare i lavoratori, anche tramite depliants, sulle misure di contenimento del virus varate dall’ Autorità Sanitaria
  2. MODALITA’ DI INGRESSO IN AZIENDA: l’azienda è tenuta a verificare lo stato di salute dei lavoratori al loro ingresso in azienda
  3. MODALITA’ DI ACCESSO A FORNITORI ESTERNI, TRASPORTATORI E ALTRI SOGGETTI: l’azienda è tenuta ad individuare procedure di accesso, transito e uscita di aziende terze in modo da ridurre contatti
  4. PULIZIA E SANIFICAZIONE IN AZIENDA: l’azienda è tenuta ad effettuare un’accurata sanificazione degli ambienti
  5. PRECAUZIONI IGIENICHE PERSONALI: l’azienda è tenuta a mettere a disposizione dei lavoratori idonei mezzi detergenti per il lavaggio frequente delle mani
  6. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALI (DPI) l’azienda è tenuta a fornire DPI indispensabili per la protezione dei lavoratori. A tal proposito si precisa che, data la situazione di emergenza, in caso di difficoltà di approvvigionamento e alla sola finalità di evitare la diffusione del virus, potranno essere utilizzate mascherine la cui tipologia corrisponda alle indicazioni dall’autorità sanitaria. Qualora il lavoro imponga di lavorare a distanza interpersonale minore di un metro e non siano possibili altre soluzioni organizzative è comunque necessario l’uso delle mascherine, e altri dispositivi di protezione (guanti, occhiali, tute, cuffie, camici, ecc…) conformi alle disposizioni delle autorità scientifiche e sanitarie.
  7. GESTIONE SPAZI COMUNI: l’azienda è tenuta a contingentare l’ingresso agli spazi comuni ed a una continua ventilazione degli stessi riducendo i tempi di sosta
  8. ORGANIZZAZIONE AZIENDALE: l’azienda è tenuta a disporre la chiusura di tutti i reparti diversi dalla produzione, procedere ad una rimodulazione dei livelli produttivi, assicurare un piano di turnazione dei dipendenti dedicati alla produzione con l’obiettivo di diminuire al massimo i contatti; è inoltre tenuta ad utilizzare lo smart working per tutte quelle attività che possono essere svolte presso il domicilio
  9. GESTIONE ENTRATA E USCITA DEI DIPENDENTI: l’azienda è tenuta a favorire orari di ingresso/uscita scaglionati in modo da evitare il più possibile contatti nelle zone comuni (ingressi, spogliatoi, sala mensa)
  10. SPOSTAMENTI INTERNI, RIUNIONI, EVENTI INTERNI E FORMAZIONE l’azienda è tenuta a limitare gli spostamenti all’interno del sito aziendale al minimo indispensabile; sono vietate le riunioni in presenza; sono sospesi e annullati tutti gli eventi interni e ogni attività di formazione in modalità in aula, anche obbligatoria
  11. GESTIONE DI UNA PERSONA SINTOMATICA IN AZIENDA: in caso di lavatore che sviluppi febbre e sintomi di infezione respiratoria quali la tosse, l’azienda  dovrà procedere al suo isolamento in base alle disposizioni dell’autorità sanitaria e a quello degli altri presenti dai locali, e procedere immediatamente ad avvertire le autorità sanitarie competenti e i numeri di emergenza per il COVID-19 forniti dalla Regione o dal Ministero della Salute
  12. SORVEGLIANZA SANITARIA: la sorveglianza sanitaria deve proseguire rispettando le misure igieniche contenute nelle indicazioni del Ministero della Salute
  13. AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO: l’azienda è tenuta ad costituire un Comitato per l’applicazione e la verifica delle regole del protocollo di regolamentazione con la partecipazione delle rappresentanze sindacali aziendali e del RLS

Il protocollo, per essere pienamente efficace andrà adattato alla realtà aziendale

Per ulteriori chiarimenti si invita a consultare la versione completa.

Si ricorda che alla luce della nuova emergenza sanitaria il Datore di Lavoro dovrà procedere ad una revisione del Documento di Valutazione dei Rischi, in particolare per ciò che attiene il rischio biologico. Tale valutazione dovrà ora contenere la valutazione del rischio da Coronavirus Covid- 19 e tutte le misure di prevenzione e protezione da adottare per la gestione del rischio stesso. E’ chiaro che il protocollo su decritto sarà parte integrante del DVR (Documento di valutazione dei rischi).

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

×Close search
Cerca